Consociazione degli ortaggi

LA CONSOCIAZIONE DEGLI ORTAGGI

Vediamo più da vicino quali ortaggi si fanno buona compagnia nel nostro orto naturale…
La consociazione infatti può portare molti vantaggi a chi fa crescere simultaneamente le giuste piante nello stesso appezzamento, ma se gli ortaggi consociati sono sbagliati e non “collaborano” tra di loro le due colture finiranno per danneggiarsi a vicenda.

La consociazione degli ortaggi può essere di diversi tipi:

erbacea: tutte le piante coltivate sono erbacee
– arborea: tutte le piante coltivate sono arboree o legnose
– mista: piante erbacee e arboree coltivate assieme
Ricordiamoci di mixare i nostri ortaggi, perché la coltura mista ha effetti benefici per la salute, la conservabilità e il sapore.

Vantaggi della consociazione degli ortaggi

 – permette di utilizzare la stessa superficie di terreno con maggiore produttività
– riduce il periodo improduttivo del terreno e ne migliora la struttura
– utilizza una specie come sostegno dell’altra
– impiega una specie come protezione dall’ insolazione o dal vento
– impiega una specie come protezione dai parassiti

Svantaggi della consociazione degli ortaggiconsociazione_ortaggi

– non è compatibile con la meccanizzazione dei lavori agricoli nella media/grande produzione, rende difficile la gestione dei trattamenti

Ho creato una mia tabella delle consociazioni favorevoli e sfavorevoli in modo da semplificarmi la vita, basta prendere un righello, scegliere un ortaggio e scoprire i suoi amici e i suoi nemici! Ho fatto riferimento a 21 ortaggi tra quelli più coltivati, poi approfondiremo alcune famiglie come quella dei cavoli e dei fagioli, delle erbe aromatiche e della frutta.

Quadratino verde, consociazione favorevole
Quadratino rosso, consociazione non favorevole

Altri suggerimenti per le consociazioni tra ortaggi 

Le consociazioni tra ortaggi della stessa famiglia sono da evitare perché sfruttano il terreno allo stesso modo, avendo le stesse esigenze nutritive e attirano gli stessi parassiti, favorendone la moltiplicazione.
Il trucco sta nell’affiancare ortaggi a crescita lenta ad ortaggi a crescita rapida, in modo da raccogliere i “lenti” prima che i “rapidi” sono diventati abbastanza grandi da aver bisogno di più spazio.
I legumi sono un ottimo fertilizzante naturale soprattutto per gli ortaggi a foglia come insalata, spinaci, cavoli… e sono utili come coltura che precede le altre sullo stesso appezzamento.

Una particolare attenzione va alle piante aromatiche.

Sono un vero e proprio repellente per gli insetti, che sono infastiditi dal loro profumo. E’ quindi buona cosa seminare erbe aromatiche sparse per tutto il nostro orto.
Ad esempio il rosmarino è immune a quasi tutti gli insetti e malattie e l’aglio
i può utilizzare per preparare insetticidi naturali.

Ed ora… prepariamoci a creare il nostro piccolo orto naturale!

Se volete approfondire l’argomento potete visitare i siti florablog, inorto oppure selvatici

A presto Chiara Ski

chiaraski_trompe_loil_paviaMi presento… sono Chiara, mamma, pittrice e cameriera con tanti hobby, come la cucina.
Amo ricercare prodotti il più possibile naturali e nutrienti per me e la mia famiglia..
cibi, bevande, creme e detersivi, insomma tutto quello che usiamo quotidianamente.
Mi sto sempre di più interessando al mondo del biologico e del naturale,
cercando la via per una vita un po’ più sana e consapevole! seguitemi su Facebook

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.